Archivi Blog

Giardini Ripadiversilia, Vis Vitae 2013

Giardini Ripadiversilia Vis Vitae Costa Toscana Rosso IGP 2013. Taglio bordolese che già mi aveva ben sorpreso (qui) e che a tavola si è confermato dalla beva di tutto rispetto (specie in abbinamento con un filetto di maiale di cinta senese cotto a puntino: croccante fuori e tenero dentro, con riduzione di vino Chianti accompagnato da erbi saltati in padella), dimostrandosi un vino dal bel sorso elegante, di buona rotondità, freschezza e soprattutto amalgama, con la componente tannica ben svolta e assorbita quella dei legni nobili piccoli; e non ultimo dal frutto carnoso (prugna, ciliegia scura…) saporito ma mai sovrastante.

Leggi il resto di questa voce

Annunci

Scatti di territori | Giardini Ripadiversilia

“Dopo più di quindici anni caratterizzati da piccole produzioni di circa 2000 bottiglie ottenute da due soli vini, un bianco ed un rosso, senza nomi né etichette (facilmente comprensibile che la produzione era ad uso esclusivo della famiglia e degli amici più stretti), nel 2002, se pur in presenza di una annata bagnata con forti criticità, ebbe inizio un processo di cambiamento radicale con la scelta di fare vino anche per gli altri.
Nacque l’attuale Azienda vinicola Giardini Ripadiversilia.”

In visita da Lorenzo e Paolo Svetlich, impressioni e scatti rubati:

vermentino-giardino-ripadiversilia
Il vermentino a Ripa di Seravezza
da-giardini-ripadiversilia-2
Ha inizio la salita sul Monte di Ripa
su-in-vigna-a-giardini-ripadiversilia
E infine tappa fra i filari di cabernet sauvignon

Leggi il resto di questa voce

Scatti da Enolia 2016

15 aprile, Seravezza. Un valzer dei debutti per me in questa domenica nuvolosa ma piacevole, prima volta a Enolia così come a Seravezza, cittadina incuneata in una piccola valle a ridosso delle Alpi Apuane e onestamente prima volta che partecipo ad un evento dove l’argomento principale è l’olio extra vergine di oliva.

20160417_150842.jpg

20160417_142903.jpg

20160417_142928.jpg

Un evento che ha più il sapore della festa paesana che della solita kermesse racchiusa tra quattro mura; certo anche qui una parte della manifestazione, quella dedicata all’olio, si è svolta nello splendido palazzo Mediceo ma la maggior parte degli stand era all’aperto nel parco antistante il palazzo.

Leggi il resto di questa voce

Cento Volte Forte – Birrificio del Forte

wpid-img-20150828-wa0001

Giallo paglierino opalescente, schiuma bianca abbondante e persistente; assaggiata sia alla spina che in bottiglia e in entrambi i casi è risultata assai piacevole, leggermente più pulita in bottiglia direi.

Leggi il resto di questa voce

“Terre di Toscana 2015 – VIII Edizione”

Toscana

“TERRE DI TOSCANA, VIII edizione. Domenica 1 e Lunedì 2 Marzo 2015

UNA Hotel Versilia – Lido di Camaiore (LU)

130 produttori, oltre 600 vini
stili, tendenze, certezze, valori: dalle cantine storiche ai vignaioli di nicchia
artigiani del gusto, chef all’opera

Aggiornamenti sulla pagina Facebook e su Twitter”

http://www.terreditoscana.info/2014/terre-di-toscana-vii-edizione-domenica-1-e-lunedi-2-marzo-2015-una-hotel-versilia-lido-di-camaiore-lu/?lang=it

Vini e cantine della Versilia

Ambiziosi a Tenuta Mariani, azienda con cinque ettari in conversione biologica sulle colline fra Massaciuccoli e Massarosa in provincia di Lucca, che ho avuto modo di conoscere a Pietrasanta Vini d’Autore*, presenti da poco sul mercato ma con tanta voglia di fare bene.

I loro vigneti di Crocicchio e Loglia a Bozzano, di Caprile Quiesa e Massaciuccoli, producono uve come il Traminer aromatico: fermentazione controllata e affinamento in acciaio, non filtrato, che ho avuto modo di apprezzare: deciso vino gastronomico, saporito e consistente, in etichetta Segreto del Castello; ma anche Pinot Nero, Chardonnay, Merlot e Ciliegiolo a completare la gamma con il rosato.

Ma la perla che mi ha colpito e che ho avuto il piacere di scoprire è il Metodo Classico Brut millesimato 2011, in etichetta Segreto, da selezione di Pinot Nero 80% e Chardonnay 20%, davvero ben fatto, con quei sentori di fruttini di sottobosco e sale e lieviti di bella struttura e acidità e beva non indifferente: acciaio e affinamento in legno per la componente bianca, sui lieviti per diciotto mesi per ora, sboccatura recente l’unica limitazione.

E’ stato un piacere conoscere i vini del piccolo areale versiliese – che prometto di risentire con più calma – delle aziende agricole: Solatìo di Seravezza, zona di produzione Monte Ripa, ottimi Vermentino e rosato Sangiovese e Merlot assaggiati; L’Altra Donna di Pietrasanta, Montignoso; Felli Marika di Viareggio, Tenuta Borbone; Terre del Capitanato di Forte dei Marmi, Pietrasanta.

* seconda edizione di Terre d’Italia a cura di Orizzonti e Vertici L’AcquaBuona

http://www.acquabuona.it

IMG_7873

IMG_7874

Diario di un Ving

Vino, Vigna e Altre Storie di Viaggio di un Ingegnere Vignaiolo

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Glocal Vini & Terroir

Appunti eno-gastronomici di Frontiera

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: