Archivi Blog

Scatti di territori | San Miniato e il Tempranillo

Quella appena trascorsa è stata una bella Domenica di sole e relax in campagna all’aria aperta in-sana (faccina che ride) compagnia con un calice di vino in mano e tante cose buone da sentire grazie a Vinix in tour e all’azienda Pietro Beconcini di San Miniato che l’hanno rispettivamente organizzata e ospitata. Ciliegina sulla torta è stata l’occasione di “camminare” una delle vigne tra le più antiche e singolari della Toscana: la vigna di tempranillo toscano. Suggestivo è stato passeggiare sulla Via Francigena che la costeggia e taglia il paesaggio d’un verde esplosivo tutto intorno; osservare il terreno d’argilla chiara e arenaria ricco di conchiglie fossili; e una volta tra i filari ammirare, e per un attimo coccolato, quelle sculture rugose nodose arzigogolate, a piede franco, che sembrano volerti abbracciare. E costante, per tutto il tempo trascorso tra il dentro e il fuori, l’assaggio dei prodotti delle aziende ospiti presenti, tanti e tutti davvero molto buoni con delle vere eccellenze di tradizione tipicità e territorio.

Tra le vigne…

fino ad arrivare alla vigna di Tempranillo toscano storica

con piante a piede franco che raggiungono se non superano il secolo di vita

Leggi il resto di questa voce

Annunci

Maraviglia “Vinix in tour” Toscana!

Ospitata dall’azienda agricola Pietro Beconcini si è svolta la prima tappa toscana di Vinix in Tour.

Diversi produttori di vino presenti insieme anche ad un birrificio artigianale, Birra Carrù. Tutti interessanti gli assaggi; grande interesse e godimento per il mio palato lo hanno suscitato i vini marchigiani dell’ Az. Agr. Maraviglia di Matelica, su tutti i bianchi a base del celebre vitigno Verdicchio. L’azienda possiede 13 ettari vitati e produce anche vini rossi da uve sangiovese, ciliegiolo, merlot, cabernet franc e petit verdot.

Ho degustato tutti e tre i bianchi presenti al banco d’assaggio: Alarico Verdicchio di Matelica DOC 2017, il loro vino “base”; a seguire Archè Verdicchio di Matelica DOC 2017, ottenuto in collaborazione con l’Istituto Agrario di San Michele all’Adige con l’utilizzo di “induttori di resistenza biologici”: in pratica si stimolano naturalmente le difese naturali della pianta, così da non utilizzare nessun prodotto chimico per ottenere un vino più salutare; infine Grappoli d’Oro Verdicchio di Matelica DOCG Riserva 2013, un vino importante, d’affascinante evoluzione, strutturato di gran bella fattura. Leggi il resto di questa voce

Diario di un Ving

Vino, Vigna e Altre Storie di Viaggio di un Ingegnere Vignaiolo

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Glocal Vini & Terroir

Appunti eno-gastronomici di Frontiera

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: