Archivi Blog

Scatti di territori | Castel del Piano

“Abbiamo scoperto questo angolo di Lunigiana, nella Valle del Torrente Taverone, seguendo un sogno e ci siamo dedicati con energia e passione al recupero dei vigneti e dei vigneti rari di questo territorio. La coltivazione è biologica, seguendo un percorso, anche personale, di ritorno all’essenzialità. In armonia con la natura e seguendo i ritmi, cerchiamo di ottenere uve che, con fermentazioni spontanee e vinificazioni naturali, portino a vini espressivi e territoriali.”

All’arrivo l’antico splendore del fortilizio recuperato dall’azienda agricola Castel del Piano

Andrea e Sabina non potevano trovare sintesi più autentica per riportare il loro sogno in parole. Un sogno che si è avverato con tanta caparbietà e altrettanti sacrifici, che oggi, possiamo dire, gli restituiscono un poco di più di serenità e un poco di meno di fatica. Un percorso, un credo e una costanza che li ha visti arrivare al podio alle Giornate Altoatesine del Pinot Nero: premiato quest’anno anche il loro Melampo toscana igt pinot nero del millesimo 2014, in un evento che vede confrontarsi sempre più eccellenze nazionali e internazionali. (E credo sia la prima volta che accada per un pinot toscano!) Un pinot in stile Egna, e già qui mi potrei fermare. Vivo e trasparente, floreale e speziato fragrante, e poi gustoso, vellutato… calibrato e slanciato, dal varietale esplosivo già tanto elegante così com’è ora. Per la prima volta fermentato in barrique aperta. Ed è stato un vero coup de coeur anche per me tant’è buono! …e non mi è bastato riversarmene ancora nel bicchiere e svuotare la bottiglia alla fine (sigh). E a conferma della bontà degli altri vini di Castel del Piano assaggiati, come mi è capitato in altre occasioni, posso ri-affermare che franchezza e piacevolezza di beva sono componenti di grande espressione che a pieno gli appartengono, autoctoni e non. E penso a l’ottimo Pepe Nero da uve vermentino nero, o all’uvaggio durella chardonnay pinot grigio del gentile Pian Piano, passando per la Durlindana da uve pòllera nera vinificate in bianco. Di un bel bere genuino che rimandano alla tavola, cucina locale ed allargata, senza esitazioni. Fatti con mano salda e misurata sempre di più negli anni dal suo bravo artefice, Andrea Ghigliazza. E il ricordo mi è stato a lungo di compagnia anche questa volta, nel ritornare a casa dalla visita di questa ammirevole piccola azienda situata in una piana, in una piccola enclave, in un paesaggio di bellezza riconciliante.

Qui sotto alcuni scatti e altre mie brevi impressioni.

in vigna con il suo artefice, Andrea Ghigliazza (e Pepe)

Leggi il resto di questa voce

“Montecucco: Calici di Stelle”

Sabato 6 e Domenica 7 agosto

a

Castel del Piano

“Due giorni di degustazioni, stand e musica!!! Degustazioni di vini Montecucco (Montecucco Sangiovese Docg e Montecucco Doc bianco rosso vin santo) con i Produttori. Sabato 6 degustazione guidata dal Dott. Luca Pollini, attuale Direttore del Consorzio di Tutela Vini della Maremma Toscana. Mercatino di Filiera Corta in Piazza Garibaldi . Sabato 6 alle 22,00 concerto in Piazza Garibaldi dei “Bottari” di Macerata Campania col Gruppo Suoni Antichi. Domenica 7 dalle ore 20,00 in Piazza Bellavista stands gastronomici e a seguire Concerto della Leggera Electric Folk Band a cura ed organizzata dalla Contrada Poggio

In sinergia con la Strada del Vino Montecucco e dei Sapori d’Amiata.”

stradavinoesaporimontecucco

Leggi il resto di questa voce

Amiata Montecucco Sangiovese Lavico 2008

IMG_1161

Sfumato granato nel bicchiere. Al naso i sensi si accendono con toni caldi e avvolgenti di spezie fini, frutti scuri in apertura maturi poi macerati, fiori rossi, bosco e sottobosco, e ancora con note balsamiche, di tabacco, tostate al limite dell’affumicato. Leggi il resto di questa voce

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: