Colli di Luni Doc

Zona di produzione e storia

Luni era al tempo dei romani un fiorente Porto Romano che presenta ancora oggi zone di interesse archeologico; risale quindi a quegli anni, l’inizio della storia della viticoltura del Vino DOC Colli di Luni.
Ovviamente essendo un importante porto commerciale di quell’epoca, i vini di Luni, vennero ampiamente venduti in lungo e in largo.
La coltivazione della vite è rimasta costantemente legata alla presenza del vitigno Vermentino, ritenuto da sempre la varietà più adatta alla zona.

La base ampeolgrafica dei vigneti è caratterizzata, oltre che dal già citato Vermentino, anche dall’Albarola, che evidenzia originalità e legame con la tradizione.
Le forme di allevamento non si sono mai discostate da quelle tradizionalmente utilizzate in passato.
A vent’anni dal riconoscimento DOC nazionale, avvenuto nel 1989, le moderne tecniche enologiche
hanno portato a selezionare con maggiore successo, le caratteristiche peculiari esaltate dal fattore ambiente ed hanno inoltre contribuito ad accentuare, tramite il processo enologico in cantina, le note del territorio, già presenti nella materia prima.

La denominazione di origine controllata “Colli di Luni” è riservata ai vini che
rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di
produzione per le seguenti tipologie:
“Colli di Luni” rosso, anche nella tipologia riserva;
“Colli di Luni” bianco;
“Colli di Luni” Vermentino, anche nella tipologia superiore;
“Colli di Luni” Albarola.

Le uve destinate alla produzione dei vini “Colli di Luni” devono essere prodotte nella zona che interessa la provincia di La Spezia e quella di Massa Carrara comprendente in parte i seguenti comuni:
– Provincia di La Spezia :
Comuni di Ortonovo, Castelnuovo Magra, Sarzana, Santo Stefano di Magra, Bolano, Calice al Cornoviglio, Beverino, Riccò del Golfo, Follo, La Spezia, Vezzano Ligure, Arcola, Lerici, Ameglia.
– Provincia di Massa :
Comuni di Fosdinovo, Aulla, Podenzana.

Le operazioni di vinificazione e di invecchiamento obbligatorio devono essere effettuate all’interno della zona di produzione o comunque anche all’interno del territorio della Provincia della Spezia.

I vini rossi, dopo un invecchiamento di almeno due anni possono portare in etichetta la menzione “riserva”.

Vitigni – Grado alcolometrico minimo – Invecchiamento e qualifiche

Base ampelografica

Colli di Luni rosso:
Sangiovese: minimo 50%;
possono concorrere alla produzione di detto vino, fino ad un massimo del 50%, altri vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione nell’ambito della Regione Toscana e Liguria.

Colli di Luni bianco:
Vermentino: minimo 35%;
Trebbiano toscano: dal 25% al 40%;
possono concorrere alla produzione di detto vino, fino ad un massimo del 30%, altri vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione nell’ambito della Regione Toscana e Liguria.

Colli di Luni Vermentino:
Vermentino: minimo al 90%;
possono concorrere alla produzione di detto vino, fino ad un massimo del 10%, altri vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione nell’ambito della Regione Toscana e Liguria.

Colli di Luni Albarola:
Albarola: minimo 85%;
possono concorrere alla produzione di detto vino, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca di colore analogo, idonei alla coltivazione nell’ambito della Regione Toscana e Liguria.

I vini a denominazione di origine controllata “Colli di Luni”, all’atto dell’immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti caratteristiche:

-Colli di Luni bianco:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.

-Colli di Luni Vermentino:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50%vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.

-Colli di Luni Vermentino superiore:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.

Colli di Luni rosso:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.

-Colli di Luni rosso riserva:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22,0 g/l.

-Colli di Luni Albarola:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.

Caratteristiche organolettiche

I vini a denominazione di origine controllata “Colli di Luni”, all’atto dell’immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti caratteristiche:

-Colli di Luni bianco:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, gradevole;
sapore: asciutto, armonico, caratteristico.

-Colli di Luni Vermentino:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: intenso, caratteristico, fruttato;
sapore: asciutto, armonico, delicatamente mandorlato.

-Colli di Luni Vermentino superiore:
colore: paglierino piuttosto intenso;
odore: intenso, persistente, caratteristico;
sapore: asciutto, pieno, armonico, retrogusto mandorlato.

-Colli di Luni rosso:
colore: rosso rubino più o meno intenso, tendente al granato con l’invecchiamento;
odore: delicato, vinoso;
sapore: asciutto, fine, armonico.

-Colli di Luni rosso riserva:
colore: rosso rubino più o meno intenso, tendente al granato con l’invecchiamento;
odore: intenso, persistente;
sapore: asciutto, di corpo, armonico, persistente.

-Colli di Luni Albarola:
colore: giallo paglierino, talvolta con riflessi verdolini;
odore: intenso, caratteristico, fruttato;
sapore: asciutto, fresco, caratteristico.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Diario di un Ving

Vino, Vigna e Altre Storie di Viaggio di un Ingegnere Vignaiolo

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Glocal Vini & Terroir

Appunti eno-gastronomici di Frontiera

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: