Tenuta Benedetta, Vigna Mariagrazia 2015

Vigna Mariagrazia

Versante nord della Muntagna, un fazzoletto di terra coltivate a Carricante e Catarrratto. Una giovane famiglia toscana, col Dna vinoso da almeno tre generazioni, si innamora della Sicilia e qui realizza il suo sogno di acquistare una vigna e fare vino.

La prima uscita sul mercato con questo Etna bianco, decisamente fresco e minerale che anche servito a bassa temperatura ti inchioda il naso al bicchiere con i suoi inebrianti profumi di frutta gialla matura, melone, erbe aromatico balsamiche. E la mineralità che lo contraddistingue da subito, con un impatto gessoso che ti fa pensare agli Chablis più estremi e vicini alla craie della Champagne, per poi evolvere verso note più rocciose e sentori salino salmastri…ovvero il profumo del mare. Il sorso è fresco e teso, sostenuto da questa bella mineralità che allarga ed esalta le piacevoli sensazioni retro olfattive in piena corrispondenza naso bocca. Insomma va giù che è un piacere.

Come esordio non potevano aspettarsi di meglio a Tenuta Benedetta, piccola e, a noi sembra di poter dire, promettente azienda su cui avremo ancora da bere e… da raccontare.

Packaging gusto

P.S. L’etichetta di questo Etna bianco è stata realizzata in caratteri braille, da leggersi in verticale, che riportano il nome Mariagrazia, madre del proprietario e nonna di Benedetta, grande tifosa dell’Inter (da qui i colori nero azzurri dell’etichetta) e amante del vino bianco.

Vigna Mariagrazia: braille

www.tenutabenedetta.it

Annunci

Pubblicato il 5 settembre 2016, in Aziende, Degustazioni con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. alessandro zingoni

    Che bella sorpresa!

    E non c’è tifoseria che tenga… il vino unisce 😉

    Liked by 1 persona

  2. Barbara Bonaccini

    Ah questo certamente basta vedere il nostro blog: una fiorentina in mezzo a due pisani! A parte il calcio, mi è capitato fra le mani questo vino, decisamente buono e molto espressivo della terra da cui viene; e pensare che sia la prima annata di una azienda nuova mi fa ben pensare e sperare. A breve stapperemo anche l’Etna rosso e vediamo cosa ne viene fuori. Stay tuned 😉

    Liked by 1 persona

  3. alessandro zingoni

    Sicuro, grande Barbara!

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Diario di un Ving

Vino, Vigna e Altre Storie di Viaggio di un Ingegnere Vignaiolo

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

susabiblog

Mi piace tramutare in parole e immagini i miei sogni

Glocal Vini & Terroir

Appunti eno-gastronomici di Frontiera

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: