I Timorasso Magnum di Walter Massa

Massa copertina.JPG

Si resta in Piemonte, dopo l’ultimo post su Roddolo e si torna a parlare di Timorasso. Direte voi, ancora? ma sei un po’ ripetitiva…forse, ma se nel giro di un paio di mesi mi ritrovo (con mia grande sfortuna…) a fare due verticali di Timorasso, queste per me sono opportunità da cogliere al volo!

Stavolta non sono stata io ad andare in loco, ma è il Timorasso che è venuto da me grazie alla Delegazione Ais di Siena che è riuscita a portare in Toscana il pioniere di questo vitigno affascinante, Walter Massa, insieme a ben 6 Magnum per una verticale da brivido.

Prima di tutto vorrei spendere due parole sul personaggio Walter Massa: un fiume in piena ,vulcanico e ironico che ci ha raccontato dei suoi inizi nelle vigne di famiglia, del 1987 l’anno cruciale, in cui assaggia incuriosito il Timorasso per “scoprire il sapore di quel vino” che un tizio gli aveva detto essere il  più buono della zona (dove all’epoca il vitigno era quasi del tutto scomparso), fino al 1995 anno in cui, non essendo riuscito a venderle, decide di tenere ferme in cantina le 6.000 bottiglie di Timorasso prodotte per andarle a riaprire qualche anno più tardi ritrovando un vino arricchito nelle sue sfumature minerali dal tempo. Il tempo è, secondo Massa, il grande alleato del Timorasso, unito ovviamente ai favore del tempo meteorologico perché il vino si fa soprattutto con l’uva (buona) nonostante le parole dei tanti sapientoni del market(t)ing che ruotano intorno a questo mondo.

E, dulcis in fundo, un vignaiolo deve fare il vino che piace a lui “sennò un vino che piace a tutti non fa orgasmare nessuno”… e questa, senza ombra di dubbio caro Walter Massa, è stata una verticale …orgasmica!

Derthona 2012 – 13,5% : il colore paglierino chiaro, una folata al naso intensa e dolce di frutta gialla polposa e matura (pesche nettarine e susine goccia d’oro), ravvivata da note sempre più decise di erbe aromatiche, in primis rosmarino. L’attacco in bocca è rotondo, poi via via il sorso si fa più fresco in un crescendo di acidità e mineralità. Chiude ritornando sulle note della pesca gialla.

Montecitorio 2010 – 14%: la prima annata di produzione di questa vigna. Il colore paglierino si fa più carico; il profumo si riveste subito di sensazioni idrocarburiche e solo in un secondo momento si percepiscono i dolci sentori fruttati di pesca sciroppata. In bocca il vino scende diritto e diretto, verticale e minerale, lasciando dietro di sé una lunga scia sapida.

Sterpi 2009 – 14%: la veste del vino si fa dorato brillante. Il primo naso è intrigante e a tratti misterioso con quelle note minerali appena appena accennate di pietra focaia e gesso, impreziosite piano piano da sensazioni più dolci di frutta gialla sciroppata (pesca e ananas). Un vino molto sapido, caratterizzato da un gusto bitter che lo rende piacevolmente particolare e persistente.

Sterpi 2007 – 14,5%: Massa ci confessa che in realtà il titolo alcolometrico è più vicino ai 15 che non ai 14,5%. Avviciniamo timorosamente il naso al bicchiere pensando di sentire subito l’alcool e invece senti…quello che non ti aspetti…le note idrocarburiche sono meno evidenti e lasciano molto più spazio alla frutta gialla matura (mela cotogna), alla mimosa e alla ginestra. Ancora più sorprendente in bocca per la freschezza e serbevolezza che questo vino ci regala nonostante i suoi quasi 15°.

Costa del Vento 2003 – 14%: colore doratissimo. I profumi, eco di un’estate caldissima, si fanno decisamente evoluti richiamando il succo della mela golden e della frutta secca con la noce riconoscibilissima. In bocca sorprende ancora per la freschezza e la vivacità, pecca purtroppo un po’ in intensità e persistenza.

Costa del Vento 2002 – 13,5%: il colore torna a farsi giallo paglierino e mai si direbbe che questo è un giovanottino di ben 13 anni. La nota sorprendente di questo vino sono il profumo e il gusto di miele millefiori in una perfetta corrispondenza naso bocca. Curiosa evoluzione di un’annata particolarmente fresca e piovosa anche sui colli tortonesi.

Massa le Magnum

Annunci

Pubblicato il 14 marzo 2016, in Degustazioni con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: