Lalita – Birrificio Birroir

DSC02418

Finalmente una birra della mia Toscana sulla tavola davanti a me (faccina sorridente), acquistata su internet insieme ad altre due che non vedo l’ora di degustare e scriverne.

Ammetto che non ho saputo resistere, impaziente per l’arrivo del pacco recapitatomi per giunta con qualche giorno di ritardo, l’ho aperta per cena la sera stessa: una bella Blanche questa Lalita che viene dalla vicina Capannori (nella lucchesia); interessante il fatto che il team di Birroir (che volutamente ricorda terroir?) sia tutto al femminile.

“BIRROIR É UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE TUTTO AL FEMMINILE nato grazie alla forte volontà di tre giovani donne con esperienze di studio e di vita diverse, due di loro si sono incontrate per caso nello stesso posto di lavoro: Elena ed Elisa, stanche della comune esperienza lavorativa e spinte dalla passione per la birra artigianale un giorno hanno capito che era venuto il momento di diventare protagoniste della propria vita. Birroir è la storia di due amiche che hanno voluto dare vita a un’attività di produzione di birra artigianale di qualità, un progetto al quale si è poi aggiunta Linda, per completare il team in rosa.”

Andandola a mirare nel bicchiere si presenta di un bel colore giallo paglierino molto chiaro (tipico di queste birre) leggermente velato, con una schiuma voluminosa piuttosto omogenea e molto persistente; al naso sprigiona netti i profumi di arancia e coriandolo, in un secondo passaggio anche di banana; entra abbastanza decisa soprattutto in punta di lingua grazie a una carbonazione che mi è parsa di buona intensità, decisamente fine e gradevole, saporita, a riempire la bocca degli aromi che ho percepito dall’esame olfattivo: buccia d’arancia, coriandolo, banana e nel finale, con un retrogusto tendente all’amaro, pepe rosa e spezie da cucina in genere.

Una buona birra tuttosommato che ho trovato piacevole soprattutto per il retrogusto che mi ha lasciato in bocca, anche se, sinceramente ammetto non prediligere in particolar modo questa tipologia di birra ma che al tempo stesso consiglio per gli amanti del genere.

http://www.birroir.com/

Annunci

Informazioni su massimo dini

Pisano, assaggiatore di vino iscritto all’ O.n.a.v.; da sempre appassionato di enogastronomia, amante del territorio,sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo da degustare.

Pubblicato il 15 aprile 2015, in Degustazioni con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: